DISPOSITIVI MOBILI, OUTLOOK E WINDOWS MAIL

Zextras introduce il protocollo Active Sync all’interno di Zimbra rendendolo compatibile con tutti i più recenti dispositivi mobili e con Outlook 2013/2017/2019 per Windows e Windows Mail App.

mobile suite italiano

ActiveSync assicura la miglior esperienza d’uso possibile per gli utenti mobile: la sincronizzazione è rapida e supporta nativamente le notifiche push, calendari, contatti, compiti e email.

Meeting e appuntamenti sono facilmente gestibili grazie all’integrazione con EAS.

Inoltre la sincronizzazione è estesa anche agli elementi condivisi.

Al fine di migliorare la sicurezza, Zextras permette di abilitare una specifica password per consentire l’accesso al protocollo ActiveSync ma che non consente l’accesso ad altri servizi Zimbra (Webmail/POP/IMAP/SMTP).

La “Mobile Password” assicura la massima sicurezza e evita il furto di credenziali: è gestita da un set di policy dedicato ed evita che, in caso di cambio delle credenziali principali, i dispositivi mobili causino il blocco dell’account a seguito di ripetuti tentativi di accesso.

Zextras Mobile fornisce agli utenti diversi strumenti: l’elenco dei dispositivi connessi, la simulazione di richieste di sincronizzazione, la definizione della versione di protocollo da usare su ciascun device o utente.

Zextras supporta il Mobile Device Management (MDM). L’amministratore può definire i requisiti minimi richiesti ai dispositivi mobili per potersi collegare all’infrastruttura, in linea con le metodologie BYOD (bring your own device).

MDM – nei dispositivi che la implementano- permette di svolgere azioni da remoto, fino al blocco del telefono nel caso di perdita o furto.

Inoltre, Zextras implementa la tecnologia Allow/Block/Quarantine che permette all’amministratore di decidere quali siano i dispositivi che possono essere connessi.

In modalità Allow, tutti i dispositivi possono connettersi, mentre in modalità Block solo i Device precompilati dall’amministratore saranno autorizzati.

Infine, in modalità Quarantine, il dispositivo si connetterà ad una casella fittizia, in attesa dell’autorizzazione da parte dell’amministratore.